Tag: recensione

Black Mirror non è più Black Mirror – parte 2 (analisi 4a stagione)

HANG THE DJ: l’anti Black Mirror per eccellenza Black Mirror non è più Black Mirror (prima parte dell’articolo qui), su questo tutti i recensori del mondo sembrano essere d’accordo, poco importa se abbiano apprezzato le storie o la realizzazione dei vari episodi, gli intenti della più grande distopia televisiva degli ultimi anni sembrano essere cambiati e…


Black Mirror non è più Black Mirror – Parte I (analisi 4a stagione)

“USS Callister”: Nello spazio nessuno può sentirti scioccare Nell’approccio alle serie tv e, più in senso lato, nel generale processo di serializzazione che negli ultimi anni ha fatto breccia in qualsiasi prodotto audiovisivo – Cinema compreso – arriva sempre un momento in cui è giusto guardarsi indietro. Anzi, due momenti: il primo nell’approcciarsi ad un nuovo…


ATROZ: il nuovo primo posto della TOP SHOCK

Buon Natale a tutti pagliacci con la videorecensione di ATROZ, uno shocking-thriller messicano che riesce a far impallidire persino A SERBIAN FILM. Buona visione.


David Lynch e René Magritte tra percezione, realtà e significato

David Lynch non ha iniziato la sua carriera nel mondo dell’arte come regista, originariamente era un pittore, un mosaicista. Fu a metà degli anni ’60 che prese in mano la macchina da presa e decise di animare le sue raffigurazioni geometriche. Da questo punto in avanti David capisce come unire perfettamente il Cinema ai modi…


”The Bad Batch” (2016) di Ana Lily Amirpour : tra cannibalismo e lunghi silenzi

Esiliata in una zona sperduta insieme ad altri reietti, una giovane donna fatica a trovare il proprio posto in questa società di drogati e cannibali isolati nel deserto.  Questa la sinossi che Netflix, distributore del film, utilizza per descrivere The Bad Batch (2016) secondo lungometraggio della regista iraniana Ana Lily Amirpour che già aveva deliziato il grande…


The Raid – Redenzione (2011) di Gareth Evans: il cult indonesiano che non ti aspetti

A Giacarta una squadra selezionata di venti uomini della polizia viene designata per portare a termine una missione ritenuta impossibile dai più: irrompere in un palazzo fatiscente di trenta piani per uccidere Tama Riyadi, signore del crimine indonesiano, che controlla l’intero blocco affittando le stanze ai peggiori criminali in circolazione o a famiglie disperate. Trama standard…


MINDHUNTER – La serie “di” Fincher è davvero un capolavoro?

“Hemingway una volta ha scritto: «Il mondo è un bel posto e vale la pena di lottare per esso.» Condivido la seconda parte” Con questa frase, pronunicata fuori campo dal detective William Somersert, si chiudeva Seven, un thriller innovativo e moderno con il quale il giovane Fincher, negli anni ’90, è riuscito a rivitalizzare un…


L’epoca dei film senza palle

Una breve riflessione sui film di punta usciti in sala negli ultimi 2-3 mesi. Tutte opere sicuramente piacevoli, ma dov’è finito il coraggio dei registi? (video on-line alle 14.30 del 10/11/2017).


Il gioco di Gerald (Mike Flanagan, 2017): Le manette della psiche

Possiamo dire senza dubbio che questo 2017 sia l’anno della ribalta di sua maestà Stephen King che ha visto alcuni dei suoi migliori lavori trasformarsi in pellicola, come il fortunatissimo remake di IT che, da alcuni, viene etichettato come capolavoro, il deludentissimo La torre nera (2017) e la discutibile serie The Mist. Proprio a causa di questi tre, in…


A Ghost Story, di David Lowery – La religione del ricordo di fronte al mutamento incessante del cosmo

C (interpretato da Casey Affleck) è un musicista in difficoltà che vive con la moglie M (Rooney Mara) in una casa nel verde sobborgo di Dallas, in Texas. La coppia non naviga in buone acque, dal momento che M vorrebbe traslocare, mentre C si sente estrememante legato alla casa e ai ricordi che evoca e,…